mercoledì 16 gennaio 2008

Fragilità


Vi è stato detto
che, come una catena, siete fragili
quanto il vostro anello più debole.
Questa è soltanto mezza verità.
Siete anche forti
come il vostro anello più saldo.
Misurarvi dall'azione più modesta
sarebbe come misurare la potenza dell'oceano
dalla fragilità della schiuma.
Giudicarvi dai vostri fallimenti
è come accusare le stagioni
per la loro incostanza.
E voi siete come le stagioni,
e anche se durante il vostro inverno
negate la vostra primavera,
la primavera, che in voi riposa,
sorride nel sonno e non si offende.

Kahlil Gibran, Il Profeta



Mi ha sempre fatto riflettere Gibran.Soprattutto in questo periodo.
Mi sento molto fragile in questi giorni, vorrei reagire alla mia apatia, alla mia staticità, ma quello che mi riesce di fare è solo perdere tempo.
Vorrei abbandonare tutto,(ho pensato anche di chiudere il blog),dimenticare tutti gli sforzi fatti per arrivare fino a qui. Ma poi non ho la forza di rinunciare, sono combattiva, ma fragile.
Qualcuno mi ha detto: "Hai paura di andare avanti perchè sei codarda, riusciresti a realizzare ciò che ti preme, se solo avessi il coraggio di sfidarti."
Forse è vero.
Si, il mio inverno è questo, il non riuscire a vedere il sole, e mi ritrovo qui a negare ciò che ho fatto, chiusa in questo presente infinito...

PS: Scusatemi se non sono molto presente sui vostri blog, ma è un periodo un pò così.
So che capirete.

5 commenti:

Claudia ha detto...

In questo momento di "apatia" e staticità mi rispecchio molto. Mi spiace per te indipendentemente dalle ragioni del tuo malessere. Io, come te, da tempo mi sento in questo modo...per i motivi più disparati, molti dei quali inevitabili se si è fatti in un certo modo. Io sono in attesa. Chi mi conosce lo sa. Non sempre è il momento di agire. Alle volte, semplicemente, dobbiamo fermarci ed aspettare che la bufera passi da sé. In questo modo ci si rinvigorisce, si aggiunge forza a quella che già abbiamo ma, momentaneamente, pare non bastare.
Il mio blog è nato proprio da questo: il bisogno di aspettare facendo, tuttavia, qualcosa che mantenga accesa la fiammella che c'è in me. Forza e coraggio!Prenditi il tuo tempo.
Una carezza virtuale.
Claudia

baluginando ha detto...

Ciao, scusa l'incursione. mi dici come hai fatto a lasciare il post sul sito The thinking blog? Sono stato nominato anch'io e mi sembra corretto attenermi alle regole, ma, per quanto abbia tentato, non ci sono riuscito. Mi aiuti? Molto dettagliatamente, per favore.
Ti aspetto sul mio blog? Io leggo il tuo. A presto.

Killo ha detto...

HEi...Dopo un mesetto di lavori Off-Line per migliorare il mio blog, sono arrivato a completare la mia "piccola" opera...dimmi se ti piace...

Alberto ha detto...

Non ho risposte su questo tema, lo sai, ma non avere dubbi su te stessa e i tuoi valori: è il mio consiglio. ;-)

Un abbraccio amicale :-)

berry ha detto...

certo che capiremo, si capisce!
buona giornaaaaaaata! cheers