venerdì 11 aprile 2008

Lasciare una traccia


Nel vostro passaggio in questo mondo, che ve ne accorgiate o no, chiunque voi siate e dovunque andiate, state lasciando dietro di voi una traccia.
Altri la noteranno e potranno seguirla. Può essere una traccia che li conduce al bene, ovvero può portarli fuori strada. Ciò dipende da voi.
Può darsi che la vostra traccia sia marcata sugli alberi, per renderla visibile a chi vi segue, o invece può darsi che lasciate inavvertitamente delle orme peraltro riconoscibili sulla sabbia.
In un caso come nell'altro, è bene ricordarsi che si lascia sempre qualche tipo di traccia; e quindi, volgendo i propri passi nella giusta direzione, potete indirizzare bene anche coloro che vi seguono.
La vostra traccia è segnata da azioni, dalle frasi che dite e dalle parole che scrivete. Le azioni sono pietre miliari stabilite in modo permanente; le frasi sono soltanto orme che il tempo può alterare o cancellare; le parole scritte sono tacche coscientemente lasciate sugli alberi.

Baden Powell


8 commenti:

AndreA ha detto...

Proprio così...dovremmo solo tenerlo a mente SEMPRE...molte delle cose che diciamo o facciamo sarebbero differenti!! ;-)

Un abbraccio, buona notte!! :-)

anna ha detto...

ciao penelope!
buon fine settimana!

digito ergo sum ha detto...

Concordo appieno. Anche se assume dimensioni irrilevanti. Ti abbraccio

ginoilsalumiere ha detto...

Ciao Penelope... buon fine domenica!

Kijar ha detto...

See Please Here

Alberto ha detto...

Sia fatta la Volontà di Dio. ;-)

Un abbraccio tracciato :-)

Penelope ha detto...

E le tracce davanti ai nostri passi?
Penelope

Viviana B. ha detto...

Vero. E magnificamente espresso.
Passavo di qui per un saluto veloce veloce... Buona serata!
P.S. Le tracce davanti ai nostri passi sono state lasciate da chi ci ha preceduto. Sta a noi, ora, il compito di seguire quelle che conducono nella giusta direzione, verso la nostra giusta meta. ;-)